La seconda settimana del 2017 inizia con un bel giorno di riposo. Un lunedì rilassante che dedico a mezz’ora di stretching. Martedì si riprende a correre, in programma 12 km di brodino tranquillo che faccio in compagnia del mio partner di corsa preferito: la mia cagnolina Luna.

Sarà per la bella giornata di sole, o per l’aria frizzantina, ma Luna è proprio scatenata. Lei parte come un missile ed è incessante il suo avanti e indietro lungo il sentiero dell’idrovia dove mi alleno. Per i primi 2 km è veramente incontenibile, tuttavia dopo aver sfogato l’energia iniziale, si mette al passo e resta tranquilla per i successivi 10 km.

Gattone dal pelo morbidoAl termine della corsa, ad attenderci alla macchina abbiamo un nuovo amico: un bel gattone che Luna snobba salendo nel bagagliaio, ma al quale io concedo più di qualche carezza.

Mercoledì Luna resta a casa, mentre io faccio 15 km. I primi due terzi sono a un’andatura lenta, mentre mentre nell’ultimo terzo accellero per tenere un passo di corsa al medio.

Giovedì giornata di riposo, ma alla sera mi incontro con Ale e Davide per mettere in moto l’organizzazione della settima edizione del Trail degli Eroi. Dato che “a pancia piena si ragiona meglio“, Ale, il cooking coach, ci delizia con degli spaghetti integrali con polpette e verdurine, che facciamo fuori come se fossimo a digiuno da mesi.

Dopo la cena le idee per l’organizzazione del trail non mancano e proprio mentre stiamo concludendo, possiamo ammirare un fenomeno atmosferico atteso, previsto e che finalmente viene rispettato: sta nevicando! Purtroppo la neve dura poco e mentre giungo a casa, i fiocchi si trasformano in pioggia ghiacciata. La speranza di un allenamento con la neve è rimandato.

Il riposo di Luna dopo la corsaLuna non ha mai visto la neve, così venerdì la porto nuovamente a correre. Purtroppo nei sentieri dell’idrovia la neve è sciolta e nonostante Luna non sia un’amante dei terreni umidi, facciamo insieme 15 km a ritmo lento.

Sabato è un giorno di riposo, ma mi sveglio abbastanza ispirato, così decido di andare a Castelnuovo, sui Colli Euganei, per fare il “giro della merla“, ovvero il percorso sociale dei Lupi Team.

Finalmente c’è la neve e parto felice come un bambino, ma dopo qualche chilometro mi rendo conto di cosa sia il gelicidio. Le rocce, i sentieri, l’erba, i rami e i tronchi degli alberi sono completamente ghiacciati ed è quasi impossibile stare in piedi. In qualche modo riesco a giungere in vetta al monte Venda e posso ammirare il fantastico panorama. Il giro prosegue su un terreno meno ghiacciato e mi godo la bella mattinata di sole.

Infine domenica partecipo al trail autogestito organizzato dagli iRun Trail sui colli Berici. Alle 10 del mattino sono una quarantina i temerari pronti ad affrontare i sentieri innevati.

La corsa è molto piacevole e insieme a vecchi e nuovi amici, mi godo i panorami dei Colli Berici. Concludo così la seconda settimana di corsa con una birretta e poco meno di 80 km sulle gambe.