Dopo il Trail degli Eroi, ancora un bel fine settimana, non solo dal punto di vista meteorologico, ma sopratutto per aver partecipato con mia moglie Margherita, l’amico Vanni e sua moglie Tiziana, al primo raduno Bike weekend Life in Travel organizzato da Veronica e Leonardo, due ragazzi eccezionali con la passione dei viaggi in bici.

All’appuntamento c’era un gruppo eterogeneo composto da 25/30 partecipanti, comprendenti cicloamatori muscolari e la nuova generazione di “ebiker”. Persone tutte meravigliose, con cui ho avuto il piacere di pedalare il sabato e la domenica, disertando la notturna del venerdì.

Il mattino di sabato 4 ottobre sono partito in compagnia di Vanni dal campeggio Levico, per presentarmi al punto di ritrovo fissato alla spiaggia del lago. Subito abbiamo conosciuto i due organizzatori Veronica e Leonardo e poi via via tutti partecipanti, tra i quali Giuseppe di Montagnana (PD) già conosciuto a giugno in un weekend a Dobbiaco e precisamente al lago di Braies.

Alle 8.30 siamo partiti in gruppo verso la prima asperità della giornata: il Menador. Si tratta di una vecchia strada militare che in alcuni tratti presenta pendenze impegnative e che porta sull’altopiano di Luserna. Al termine della salita il gruppo si è ricompattato e abbiamo ripreso l’ascesa verso Malga Campo a 1452 mt, dove un caratteristico menù trentino ci attendeva.

Durante l’ottimo pranzo abbiamo potuto chiacchierare sulle nostre esperienze in sella alle due ruote. Al termine della pausa pranzo, abbiamo ripreso il giro passando per sentieri e pascoli, sbucando sulla strada statale del Passo Vezzena. A 1.509 metri di altitudine c’è stata l’occasione per visitare il forte Busa di Verle e per chi se la sentiva,  di salire fino al Forte Spiz Vezzena, una fortificazione Austro-Ungarica, detta anche l’occhio dell’altopiano. Gli ultimi 5 km sono su strada sterrata impegnativa, con ciottoloni abbastanza insidiosi che porta a quota 1.995 mt, dove si trova una grande croce e sono visibili i resti della fortificazione. Potete immaginare di quale panorama mozzafiato si possa godere da lassù!

Dopo le foto di rito, abbiamo preso la via del ritorno in discesa fino a Levico. Alla fine della giornata abbiamo percorso ben 55 km.

La serata era dedicata alla presentazione di un bel viaggio fatto in bici dall’amico Elio Costalonga sui Pirenei, purtroppo non ho fatto in tempo ad assistere alla presentazione, però mi sono letto tutto il racconto sul blog (clicca qui per leggerlo): veramente un’esperienza meravigliosa.

La domenica mattina del 5 ottobre siamo partiti dalla spiaggia del lago di Levico alle 9.00. Come da programma ci siamo ritrovati per una pedalata sulla pista ciclabile che porta in mezzo alle coltivazioni di mele. Abbiamo costeggiato il Brenta, raggiungendo la località Marter, un piccolo paese dove si trova un vecchio mulino trasformato in museo di spaventapasseri. Dopo una breve sosta siamo ripartiti alla volta di Borgo Valsugana, un bel paese attraversato dal Brenta con caratteristiche costruzioni, ci siamo fermati nella piazza principale per un pausa caffè e quindi abbiamo deciso di rientrare ripercorrendo la stessa ciclabile dell’andata. Al termine del giro sono stati percorsi oltre 40 km.

Alla fine i saluti di rito, con un ringraziamento speciale agli organizzatori di questa bella iniziativa: Veronica e Leonardo, augurandoci possa essere la prima di una lunga serie!

PS. approfitto di questo post per salutare le persone conosciute sabato e che non hanno potuto partecipare alla pedalata della domenica.