Lunedì 9 marzo l’appuntamento con l’amico Vanni è alle 9:00. Arrivo a Montegrotto, luogo del ritrovo, con già 23km sulle gambe.

Io sono in sella alla mia inseparabile MTB eBike Frisbee, mentre per la prima volta vedo Vanni “inforcare” una bella MTB muscolare Bianchi. Come gli avevo promesso lo porto a scoprire nuovi percorsi sterrati nei fantastici Colli Euganei.

Subito a pochi chilometri da Montegrotto verso Torreglia, prendiamo il sentiero Monte Valli, che conduce fino al ristorante Piccolo Marte. Saliamo verso Galzignano e prima dell’ultimo strappo che conduce in paese, giriamo a destra imboccando il sentiero dei Mussi, prima asfalto e poi sterrato, che ci fa incrociare l’area pick-nic Riccolo Bonato e la strada asfaltata che porta al monte Rua.

Quindi ci dirigiamo verso Torreglia e prima di giungere in paese svoltiamo a sinistra in direzione Treponti e poi Rovolon. A questo punto decidiamo di “scalare” il Monte Grande,  una mulattiera sterrata con 17 tornanti che sembrano non finire mai, dove Vanni dimostra tutto il suo valore atletico salendo con un buon ritmo, quasi come avesse anche lui la eBike!

La successiva discesa è leggermente sconnessa, ma abbastanza scorrevole. Quando incrociamo la strada che porta al Monte della Madonna, ci fermiamo al bar per un caffè per poi riprendere a scendere lungo il sentiero detto Vietnam. Si tratta di un percorso molto tecnico e impegnativo.

Attraversiamo Treponti, Praglia e arriviamo a Montegrotto dove termina il giro di Vanni. Per lui sono circa 45 km con un dislivello di quasi 1.100 mt dove le pendenze, anche se brevi, sono state molto impegnative e alla fine si sono fatte sentire.

Saluto l’amico Vanni che rientra Bolzano, mentre io proseguo il mio rientro a casa in compagnia di un vento contrario molto invadente e concludo la mia uscita di circa 85 km.